Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > La concorrenza dei non competitor

 La concorrenza dei non competitor

Society 3.0

 Se il digitale ha rotto ogni barriera di accesso al mercato, come è possibile individuare i propri concorrenti? I successi e i fallimenti recenti suggeriscono alle aziende di cambiare punto di osservazione: guardare settori e dimensioni diverse.

​LE MINACCE OLTRE LA SIEPE

I recenti successi di molte aziende basate su web e digitale, a fianco dagli altrettanti insuccessi di molte imprese con modelli di business tradizionali, stanno disturbando o annullando la capacità di previsione di manager e imprenditori. Perché?

 “At our heart we’re a tech company; we hire engineers. We don’t hire reporters, no one’s a journalist, we don’t cover the news” ha detto pochi giorni fa la Chief Operation Officer di Facebook Sherly Sandberg.

E cosa dovrebbero pensare gli editori, di fronte a un competitor dalle dimensioni di Facebook, e da cui passano ogni giorno tonnellate di informazioni, quando dice “noi siamo una azienda tecnologica”, rifiutando l’appellativo di editore?

Si potrebbe obiettare che prima gli editori producevano e distribuivano, ed oggi producono, mentre a distribuire sono le piattaforme come Facebook.

E cosa dovrebbero dire i produttori cinematografici di fronte ad aziende che non fanno cinema di mestiere, come Amazon e Netflix – a cui ora si aggiungeranno Facebook, Snapchat e Apple – eppure invadono il campo della produzione di contenuti?

Ad ognuna di queste aziende il digitale è stato utile in due modi: hanno realizzato prodotti innovativi, e non si sono fatte riconoscere.

I NON COMPETITORS

Se infatti il digitale elimina ogni siepe che delimita un business, allora le aziende che stanno dietro la siepe non sono visibili e riconoscibili. Ogni siepe è infatti costruita per proteggere e nascondere un modello di business, anche il più piccolo, e i suoi vantaggi competitivi.

Chi però nasce oggi, nel mondo del web, sa che le uniche attività che davvero meritano di essere difese e protette non sono il proprio modello di business, ma generalmente:

-    i propri dati (di vendita, di contabilità);

-    le informazioni dei propri clienti (le loro abitudini d’acquisto, i loro indirizzi email, i numeri delle loro carte di credito);

-    i propri brevetti.

A chi invece protegge o cerca di nascondere il proprio modo di fare business, in particolare a chi è nello stesso settore, manca una grossa fetta del paesaggio, perché la vista è ostacolata dalla siepe di casa propria: vede solo i concorrenti tradizionali, anche loro nascosti dietro la stessa barriera.

Mentre il mondo digitale porta altri concorrenti, i non competitor, che hanno una vista più aperta e proteggono solo le informazioni oggi preziose. Infatti, il più delle volte:

-    sono quelli che individuano per primi le asimmetrie informative dei mercati degli altri;

-    sanno quindi dove manchi qualcosa o dove ci sia qualcosa da sfruttare per “completare” l’offerta altrui;

-    provengono da settori “esterni” (più piccoli, diversi, o outsider) talvolta non ancora identificati;

-    conoscono molto bene clienti/utenti/consumatori e processi di mercati complementari e laterali (talmente bene da svolgerli meglio, utilizzando le proprie risorse o i propri sistemi);

-    hanno capacità e velocità di stravolgere modelli di business/strutture/mercati differenti.

Il motivo per cui poi fanno così male deriva da più fattori. Ma il più importante è proprio quello di non essere visibili. Essendo infatti provenienti da contesti così dissimili da quelli dei settori che naturalmente e normalmente preoccupano, non si è abituati a:

-    conoscere le loro caratteristiche, le loro attività e i loro prodotti;

-    riconoscere i segnali delle loro strategie e valutarne l’impatto sul proprio business;

-    proteggersi da loro e/o attaccarli in maniera efficace.

Dimensioni ridotte e forme diverse li rendono imprevedibili e consentono loro di guadagnare fette di mercato indisturbati, contando su un tempo medio molto utile in cui non sono né osservati, né ostacolati.

COME PROTEGGERSI

Tutti i grandi operatori di oggi, da Amazon, a Facebook, a Uber fino a eBay, sono stati piccoli, sconosciuti e innocui. E così hanno “rotto il mercato”, invadendo le siepi altrui da outsider. Aziende digitali sono diventate media company, giornali si sono tramutati in società che fanno eventi o business intelligence, società che fanno eventi che si sono trasformate in community che offrono servizi.

MPESA, per esempio, è un’azienda che consente piccoli scambi di denaro attraverso il telefono cellulare. È nata in Kenya, proprio dove i flussi di denaro nelle tasche dei giovani sono di cifre così limitate da rendere inutile il possesso di un conto bancario. Ed ecco il competitor (telefono) che invade la siepe della banca.

E non solo. L’azienda giapponese Nikon, da parte sua, sta pensando di chiudere la sua fabbrica cinese di macchine fotografiche economiche perché gli smartphone hanno in dotazione fotocamere digitali sempre più competitive per prezzi e qualità.

Allora da chi si devono guardare le aziende di oggi, e soprattutto dove devono guardare per prevedere un possibile attacco competitivo? Se la concorrenza e gli stimoli migliori arrivano da chi è fuori dal proprio settore e ha dimensioni ridotte, sarebbe utile, come ha elencato Boston Consulting Group:

-    cercare di soddisfare contemporaneamente più domande di mercato diverse, senza paura di restringersi;

-    tentare nuovi modi di ingaggio dei clienti, più vicini a quelli artigianali delle piccole aziende (eventi, esperienze dirette);

-    provare a pensare in piccolo, per essere vicini alla domanda dei consumatori;

-    prendere in prestito dalle piccole aziende la coordinazione, la capacità di focalizzazione sul cliente e su obiettivi specifici, la velocità, testando spesso servizi e prodotti nuovi, e realizzando frequenti prototipi.

 

 

Siamo nell’era conversazionale <img alt="" src="/society/PublishingImages/era%20conversazionale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/era-conversazionale.aspxSiamo nell’era conversazionale Il futuro della comunicazione? Altro che bot e machine learning. Lo “spirito aloha” aiuterà i brand anche nel rapporto con i clienti.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Giampaolo Colletti2020-02-19T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
La reputazione è di tutti<img alt="" src="/society/PublishingImages/reputazione%20aziende%20e%20digitale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/la-reputazione-di-tutti.aspxLa reputazione è di tuttiIn una democrazia digitale le aziende diventano persone soggette al giudizio delle comunità a cui si rivolgono. Changes ne ha parlato con Daniele Chieffi, giornalista esperto di innovazione e docente universitario. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberta Caffaratti2020-02-18T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
Fallisco dunque sono<img alt="" src="/society/PublishingImages/fallimento.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/fallimento.aspxFallisco dunque sonoLa cultura dell’errore si fa strada anche in azienda, ma in Italia è ancora un tabù. Eppure si può trasformare l’insuccesso in un punto di forza.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2020-02-09T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
L'uomo è buono o cattivo? <img alt="" src="/society/PublishingImages/buoni%20e%20cattivi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/buoni-e-cattivi.aspxL'uomo è buono o cattivo? La domanda è un paradosso antico che divide il mondo in due. Richard Wrangham, dell'università di Harvard, ha pubblicato un saggio utile a far luce sull'evoluzione umana.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Luciano Canova2020-02-02T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
Il ritorno delle comunità<img alt="" src="/technology/PublishingImages/comunità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/technology/Pagine/comunità.aspxIl ritorno delle comunitàLe onde della marea digitale hanno portato nuove connessioni che per tutti sono state virtuali e individuali. Ma ora la vecchia dimensione fisica è riemersa. Cosa farne? GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Antonio Belloni2020-01-26T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://www.changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://www.changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD